Charlie Croker

Sesso
Età 2017 anni
Iscritto dal 18/07/2012

Mi descrivo...
A fine settembre 2003 ho acquistato Il "Metroid Prime Pak" contenente il mitico Metroid Prime. Ebbene, da allora non ho più smesso di giocare. Ne è passata di acqua sotto i ponti e... dischi di gioco nelle mie console! Anno dopo anno ho preso dimestichezza col mondo dei videogiochi che si è fatto via via più ampio. Inizialmente giocavo solo ai titoli "Only For" di GC, per poi imparare a conoscere ed apprezzare quelli delle terze parti; così il mio universo si è fatto via via più grande.

Come ho scoperto il Nintendo Club...
Non ho mai navigato molto sul Web e sono rimasto anni e anni un cane sciolto, finchè cliccando qui e là ho scoperto questo sito... Ed eccomi qui!

I giochi più recenti

*

Super Mario 3D World Wii U
E' una soddisfazione. Finalmente puoi vivere la tua avventura con quattro personaggi differenti senza dover giocare - per forza - sempre e solo con "Mario" (anche se ne porta debitamente il nome). Innovazione in ogni dove. Vai avanti anche se non vuoi "solo" per vedere che cosa si sono inventati. Ma la domanda è: non lo stai ancora gocando!?

*

Injustice: Gods Among Us Wii U
Injustice è rimasto per anni sullo scaffale di casa mia ingiocato. Quando l’ho acquistato ero tutto eccitato all’idea di un picchiaduro con gli eroi dei fumetti che se le suonavano di santa ragione. Non per la violenza in sé sia chiaro, ma perché non ho mai giocato ai vari Mortal Kombat o Street Fighter. A parte una capatina su Super Smash Bros. Brawl (per la lunga modalità storia) era per me un genere completamente inedito. Si doveva inoltre rendere giustizia al coraggioso publisher che per una volta non aveva snobbato le console Nintendo. Appena infilato il disco è partito un generoso aggiornamento di seicento mega(!) che per l’hdd di Wii U non sono pochi se collezioni giochi! La prima volta che l’ho giocato me la sono spassata e nonostante non conoscessi i comandi sono andato avanti parecchio. Di certo non avevo la voglia di mettermi lì ad impararli con i lungi tutorial e sono partito a casaccio. Il vero dilemma era tuttavia il terrore di spappolare il gamepad e così titoli come questo e i vari Batman sono rimasti lì dov’erano a lungo. E precisamente finchè non ho acquistato un controller compatibile da pochi soldi per “sfruttarlo” qui, in Bayonetta e altrove. Così mi sono messo di buona lena pestando sui tasti con molta soddisfazione. Quando impari le mosse, le fatality, gestire i wager … Il gameplay si fa molto raffinato. L’ambiente circostante è interattivo con somma soddisfazione. La modalità storia è solida, molto ben raccontata e doppiata in lingua originale alla grande (peccato dover leggere i sottotitoli!). Non ci sono solo duelli: ci sono stage di diverso genere che collegano le varie parti di ciascun capitolo. In qualsiasi modalità giochi si sale di esperienza. C’è la modalità sfida con dieci duelli di difficoltà crescente fino ad arrivare al boss finale. La puoi ripetere con tutti i personaggi; così si vede l’epilogo della storia di ognuno di loro. Ogni eroe e villain ha inoltre le sue missioni in solitaria. Ci sono i duelli singoli e si possono scegliere sempre difficoltà, antagonista e scenario. La cosa sorprendente è la mole di “sbloccabili” presenti nel gioco! Ti da la carica cercare di ottenere più immagini, icone, bozzetti, musiche, skin alternative possibili! Peccato per la modalità online dato che i server sono sempre vuoti! La grafica in game è molto buona ma le cutscenes fanno pena. Potevano arricchire di più le textures! Detto questo quanto al divertimento non mi resta che consigliarlo ai neofiti e non. Se vi prenderà, almeno una trentina di ore lo giocherete di sicuro! VOTO: 9.

*

Assassin's Creed III Wii U
Assassin’s Creed III è un’avventure emozionante. In realtà Ubisoft ha voluto inserire talmente tante cose da portare a termine da non essere stata altrettanto brava ad amalgamarle tutte insieme. Se vi dico che ho completato il gioco senza fare nessuno scambio mi credete? Guadagnando solo attraverso la caccia, scassinando forzieri e depredando diligenze e cadaveri? Il fatto è che per come ho vissuto io l’esperienza questo gioco andava fatto “a blocchi”. Seguivi la storia principale ma al contempo girovagavi per ore in cerca di tutti gli obbiettivi secondari sulla mappa! Raccogli questo, caccia quello, per ore ed ore. Ed è per questo che andavo ad estro; non avendo delle reali coordinate da seguire. Troppa libertà nei giochi è disorientante! Per esempio quando ho scoperto che le gallerie sotto le città erano dei labirinti avvincenti sono andato avanti solo con quelli! Poi con tutte le battute di caccia e naturalmente prima di ogni cosa mi sono messo a raccogliere qualsiasi tesoro, pagina e piuma ci fosse contrassegnata sulla mappa. Le missioni tenuta le ho fatte una dietro l’altra alla fine del gioco indipendentemente dall’arco narrativo. E le battaglie navali? Anche quelle per conto loro una volta finite le missioni “a terra”. Niente a che vedere con quelle affrontate da Edward Kenway ma avvincenti lo stesso! La longevità complessiva è elevata volendo vedere e fare tutto. Ed il gamepad? Di fatto esso si è rivelato meno utile che in Black Flag! Si poteva farne benissimo a meno. La mappa l’avrò consultata lì si e non due volte quando mi sono ricordato che c’era; mentre facevo prima a richiamarla sullo schermo della tv! Ho giocato pure molto meno “off screen”. I menu sono un tantino ingarbugliati rispetto all’altro gioco ma ci si abitua. Per il resto certe cose implementate non le ho mai toccate; come i tizi della “gilda” liberati che in teoria ti davano una mano non so ancora per fare cosa: per me a conti fatti non sono mai esistiti … Ho fatto tutto da me in puro stile anni ’80! Recensisco la versione completa di tutti i DLC. Vi consiglio di giocare “Le rovine di Cerros”: un’isola bellissima da esplorare! Per quanto riguarda “Re Washington”, lo giocherò appena finito Rayman Legends! Per il momento, nonostante i bug, i numerosi crash della console e la confusione generale; a livello emotivo il gioco si porta a casa i pieni voti: sa regalare emozioni davvero forti e vi strapperà più di una lacrima. Fino alla fine. Update: i tre capitoli de "La Tirannia Di Re Washington" sono godibilissimi da fare. Non sono esenti da bug ma utilizzare i poteri è una gioia per gli occhi e la difficoltà cresce di capitolo in capitolo. Se si completa lo spin-off al 100% la longevità è garantita e la dimensione parallela, pur con le sue contraddizioni, resta emotivamente affascinate lasciandoti con l'amaro in bocca per tutto il tempo. Consigliata!

Tutti i giochi di Charlie Croker