Autore Topic: Perdita di interesse per il Videogioco  (Letto 18417 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Zanzegù

  • FRATE INDOVINO
  • **********
  • Post: 10371
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Perdita di interesse per il Videogioco
« Risposta #240 il: Settembre, 21, 2017, 09:54 »
Sono d'accordissimo con voi su quello che dite. Posso dire che anche io sono cambiata ovviamente e i videogiochi si sono evoluti. Non faccio di tutta un erba un fascio. In poche parole sto solo dicendo che è nata una tipologia di videogiochi che una volta non esisteva e cioè la tipologia di videogames fatta SOLO per soldi che è quella del gioco sfatto e scialbo che tratta tematiche alla moda/in voga al momento. Una volta non mi pare esistesse.

Tutto è cominciato dall'era della play 1. Non sto dicendo che sia colpa della play 1. Ma ho notato che tutto è iniziato da li.

L'ultima era decente è stata quella N64 poi il declino.

Qual è il gioco pre era GC fatto solo per soldi ma che in realtà fa schifo? Ma nemmeno i giochi fatti su licenza per film...mi ricordo terminator ,caccia a ottobre rosso day of thunder per NES...fatti male sfruttando la licenza del film ma son durati poco perché non vendevano niente...perché facevano schifo...uno ci cascava una volta...la secondo non lo fregavi più.E comunque non erano i più venduti. oggi vende di più GTA e Call of duty di Zelda o Super Mario.

Non vorrete davvero venirmi qua a dire che GTA e Call of Duty siano veramente meglio di Zelda e MArio?! Ma nemmeno se me li regalano con 100.000 euro attaccati..(ok con 100.00 euro li prendo mi tengo i soldi e butto i giochi nel cesso  spezzettandoli prima per bene per non farlo intasare. :D )
Insomma la mia perdita di interesse per i videogames è appunto legata a questa tipologia di videogiochi che ormai compone almeno il 50% dei titoli.
Stiamo tornando ai giochi indie per far credere che si fanno giochi di qualità. Alcuni lo sono. Ma con tutta la tecnologia che abbiamo oggi vorrei che la usassero di più per fare titoli che facciano avanzare non solo la qualità grafica ma anche il modo di giocare.

Basta vedere che a parte Nintendo le altre cose fanno? pompano grafica e stop(ok anche potenza di calcolo da 20 anni) sempre le stesse cose da 20 anni. Almeno Nintendo ci mette il wii mote il doppio schermo il 3d il touch screen il paddone la console ibrida. Questo parlando solo di console.
E i giochi? Forse voi non lo sapete ma conosco un sacco di gente che non capisce nulla di videogiochi e ha una console.Volete sapere qua in italia che giochi hanno? Calcio-guerra(fps)-macchine.
Stop. E se non giochi a quei giochi li sei un ...boh un'alieno...gli parli di mario giochi per bambini gli parli di metroid zelda non sanno nemmeno chi siano e parlo di gente di 30-40 anni...lasciamo perdere quelli sotto i 30 a cosa giocano...che comunque sono meglio degli adulti che per lo meno giocano a Pokemon che è mille volte meglio di un Halo,Fifa,forza motorsport,gta,call of duty....

Quello è il punto. Ormai le aziende han capito e se un tempo facevano un gioco che voleva stupire oggi lo fanno per far soldi. E quello è colpa si dell'utenza ma anche di chi produce videogames che non gliene frega nulla di far capire alla gente cosa sia un videogioco vero. Tanto loro basta fare soldi e stop. Quante volte abbiamo letto sulle riviste che Nintendo rischiava a fare una politica completamente differente dagli altri?

Ecco dove sta la differenza.

Una volta facevano giochi per passione e i soldi venivano di conseguenza.
Oggi almeno la meta dei titoli sono fatti solo per far soldi...e chi ne capisce un attimino lo vede. La maggioranza ,almeno qua in italia non capisce un tubo. E i giochi fatti male ma solo per soldi sono qualli che vanno per la maggiore e vendono di più...danno alla gente quello che vuole la gente. Vogliono la cacca? e gli danno la cacca. Meno male che Nintendo in linea di massimo non fa questo ragionamento...oggi esistono due schiere primarie di giocatori.Gli esperti e i niubbi. Nintendo è specializzata per gli esperti...tuttavia non è esente di giochi da niubbimmai giochi niubbi Nintendo non raggiungeranno mai la niubbaggine dei titoli di concorrenza...probabilmente la più grande niubbaggine per far soldi è il continuo restyle del 3ds...ma anche del ds ma anche del gba...quella credo sia l'unica cosa vergognosa ma forse non lo è mai come lo sono le "concorrenti". Alla fine non so se veramente serviva un 2ds però tutto fa cassa. Preferisco comuqnue i restyle continui che un gioco di cacca solo per far soldi. Ovviamente ci sono le eccezioni.Vedi Pokemon go...ma alcuni dicono che non è stato fatto per far soldi e che nintendo non era sicura di fare centro ..altri dicono che è andata a colpo sicuro...io che ne so...ma questo è un altro discorso.


Offline Hero of Sky

  • Newser
  • DONKEY KONG
  • ***
  • Post: 2921
  • Sesso: Maschio
  • Triumviro del Nintendoclub
    • Mostra profilo
Re:Perdita di interesse per il Videogioco
« Risposta #241 il: Settembre, 21, 2017, 17:21 »
Ragazzi, è tutto vero.
Ai tempi c'erano giochi per adulti che ti facevano mettere in moto il cervello, come Sonic:
Spoiler (click to show/hide)
Adesso son tutte commercialate stupide che giochi senza dover riflettere neanche un attimo.
Prendete i giochi in arrivo per 3DS. Cosa abbiamo? L'ennesimo Layton e Brain Training, che si fanno entrambi premendo A a caso senza logica. Ah, quanto valeva un bel Final Fantasy o Dragon Quest su Famicom...!
Per non parlare di saghe come Zero Escape, che in quanto a profondità di contenuti rasentano lo zero assoluto
Paradosso della nave di Teseo?
Dilemma del prigioniero?
Roba da bambini senza cervello, proprio!
Ma la verità è che l'industria è cambiata. Ormai gli sviluppatori puntano solo alla grafica e se ne fregano dei contenuti.
Guardate come hanno ridotto Sonic!
Spoiler (click to show/hide)
Neanche lo riconosco più...
Tutta grafica e niente strategia.
Penso anche a vaccate della generazione Wii, tipo Fire Emblem: Radiant Dawn...
Sono sicuro che se mettessero online quel gioco su un qualche sistema di streaming, dando la possibilità alle persone di dare input a casaccio tramite una chat, e tutti giocassero assieme, in quel caos di anarchia pura si riuscirebbe lo stesso a finire il gioco in una decina di giorni o poco più.
Nel '96 non se ne facevano di giochi così!
Prima dell'era Wii/GameCube, i giochi erano tutti belli e fatti con passione.
Non si nascondevano dietro commercialate, facendo giochi brutti cercando di venderli solo perché basati su serie famose.
Cito giusto un capolavoro per ogni generazione, perché a scomodarli tutti dovrei fare un post troppo lungo:
- ET per Atari
- Ghostbusters 2 per NES
- Batman Forever per SNES
- Superman per Nintendo 64
Giochi che trasudavano passione e divertimento.
Oggi ci ritroviamo con porcate commerciali senza cervello come Snipperclips o Pullblox, che puntano tutto sui personaggi accattivanti e sul graficone, ma che poi non richiedono la minima logica.
Bah! Non c'è più mondo!
E ora, scusate, ma vado a rifarmi il cervello con un sano Excite Bike:
:laughing4: Non sono sicuro che sarei stato capace di scrivere qualcosa così sarcastico e nonsense

Offline Elio

  • KOOPA
  • Post: 122
  • We ciao cari!
    • Mostra profilo
Re:Perdita di interesse per il Videogioco
« Risposta #242 il: Settembre, 21, 2017, 19:18 »
Sono d'accordissimo con voi su quello che dite. Posso dire che anche io sono cambiata ovviamente e i videogiochi si sono evoluti. Non faccio di tutta un erba un fascio. In poche parole sto solo dicendo che è nata una tipologia di videogiochi che una volta non esisteva e cioè la tipologia di videogames fatta SOLO per soldi che è quella del gioco sfatto e scialbo che tratta tematiche alla moda/in voga al momento. Una volta non mi pare esistesse.

Tutto è cominciato dall'era della play 1. Non sto dicendo che sia colpa della play 1. Ma ho notato che tutto è iniziato da li.

L'ultima era decente è stata quella N64 poi il declino.

Qual è il gioco pre era GC fatto solo per soldi ma che in realtà fa schifo? Ma nemmeno i giochi fatti su licenza per film...mi ricordo terminator ,caccia a ottobre rosso day of thunder per NES...fatti male sfruttando la licenza del film ma son durati poco perché non vendevano niente...perché facevano schifo...uno ci cascava una volta...la secondo non lo fregavi più.E comunque non erano i più venduti. oggi vende di più GTA e Call of duty di Zelda o Super Mario.

Non vorrete davvero venirmi qua a dire che GTA e Call of Duty siano veramente meglio di Zelda e MArio?! Ma nemmeno se me li regalano con 100.000 euro attaccati..(ok con 100.00 euro li prendo mi tengo i soldi e butto i giochi nel cesso  spezzettandoli prima per bene per non farlo intasare. :D )
Insomma la mia perdita di interesse per i videogames è appunto legata a questa tipologia di videogiochi che ormai compone almeno il 50% dei titoli.
Stiamo tornando ai giochi indie per far credere che si fanno giochi di qualità. Alcuni lo sono. Ma con tutta la tecnologia che abbiamo oggi vorrei che la usassero di più per fare titoli che facciano avanzare non solo la qualità grafica ma anche il modo di giocare.

Basta vedere che a parte Nintendo le altre cose fanno? pompano grafica e stop(ok anche potenza di calcolo da 20 anni) sempre le stesse cose da 20 anni. Almeno Nintendo ci mette il wii mote il doppio schermo il 3d il touch screen il paddone la console ibrida. Questo parlando solo di console.
E i giochi? Forse voi non lo sapete ma conosco un sacco di gente che non capisce nulla di videogiochi e ha una console.Volete sapere qua in italia che giochi hanno? Calcio-guerra(fps)-macchine.
Stop. E se non giochi a quei giochi li sei un ...boh un'alieno...gli parli di mario giochi per bambini gli parli di metroid zelda non sanno nemmeno chi siano e parlo di gente di 30-40 anni...lasciamo perdere quelli sotto i 30 a cosa giocano...che comunque sono meglio degli adulti che per lo meno giocano a Pokemon che è mille volte meglio di un Halo,Fifa,forza motorsport,gta,call of duty....

Quello è il punto. Ormai le aziende han capito e se un tempo facevano un gioco che voleva stupire oggi lo fanno per far soldi. E quello è colpa si dell'utenza ma anche di chi produce videogames che non gliene frega nulla di far capire alla gente cosa sia un videogioco vero. Tanto loro basta fare soldi e stop. Quante volte abbiamo letto sulle riviste che Nintendo rischiava a fare una politica completamente differente dagli altri?

Ecco dove sta la differenza.

Una volta facevano giochi per passione e i soldi venivano di conseguenza.
Oggi almeno la meta dei titoli sono fatti solo per far soldi...e chi ne capisce un attimino lo vede. La maggioranza ,almeno qua in italia non capisce un tubo. E i giochi fatti male ma solo per soldi sono qualli che vanno per la maggiore e vendono di più...danno alla gente quello che vuole la gente. Vogliono la cacca? e gli danno la cacca. Meno male che Nintendo in linea di massimo non fa questo ragionamento...oggi esistono due schiere primarie di giocatori.Gli esperti e i niubbi. Nintendo è specializzata per gli esperti...tuttavia non è esente di giochi da niubbimmai giochi niubbi Nintendo non raggiungeranno mai la niubbaggine dei titoli di concorrenza...probabilmente la più grande niubbaggine per far soldi è il continuo restyle del 3ds...ma anche del ds ma anche del gba...quella credo sia l'unica cosa vergognosa ma forse non lo è mai come lo sono le "concorrenti". Alla fine non so se veramente serviva un 2ds però tutto fa cassa. Preferisco comuqnue i restyle continui che un gioco di cacca solo per far soldi. Ovviamente ci sono le eccezioni.Vedi Pokemon go...ma alcuni dicono che non è stato fatto per far soldi e che nintendo non era sicura di fare centro ..altri dicono che è andata a colpo sicuro...io che ne so...ma questo è un altro discorso.
Sono daccordissimo, al 100%, anzi devo dire che è la prima volta che incontro una persona che la pensa come me :) complimenti!
Ricotta e pere è buonissimo, anche se preferirei ricotta ed Elio
Elio ma qual'è il senso dell'esistenza? :laughing4:
Elio è l'amante consenziente che non ho mai avuto

Offline Awakening

  • GOOMBA
  • Post: 295
  • Sesso: Femmina
  • Old School
    • Mostra profilo
Re:Perdita di interesse per il Videogioco
« Risposta #243 il: Settembre, 21, 2017, 23:05 »
Ragazzi, è tutto vero.
Ai tempi c'erano giochi per adulti che ti facevano mettere in moto il cervello, come Sonic:
Spoiler (click to show/hide)
Adesso son tutte commercialate stupide che giochi senza dover riflettere neanche un attimo.
Prendete i giochi in arrivo per 3DS. Cosa abbiamo? L'ennesimo Layton e Brain Training, che si fanno entrambi premendo A a caso senza logica. Ah, quanto valeva un bel Final Fantasy o Dragon Quest su Famicom...!
Per non parlare di saghe come Zero Escape, che in quanto a profondità di contenuti rasentano lo zero assoluto
Paradosso della nave di Teseo?
Dilemma del prigioniero?
Roba da bambini senza cervello, proprio!
Ma la verità è che l'industria è cambiata. Ormai gli sviluppatori puntano solo alla grafica e se ne fregano dei contenuti.
Guardate come hanno ridotto Sonic!
Spoiler (click to show/hide)
Neanche lo riconosco più...
Tutta grafica e niente strategia.
Penso anche a vaccate della generazione Wii, tipo Fire Emblem: Radiant Dawn...
Sono sicuro che se mettessero online quel gioco su un qualche sistema di streaming, dando la possibilità alle persone di dare input a casaccio tramite una chat, e tutti giocassero assieme, in quel caos di anarchia pura si riuscirebbe lo stesso a finire il gioco in una decina di giorni o poco più.
Nel '96 non se ne facevano di giochi così!
Prima dell'era Wii/GameCube, i giochi erano tutti belli e fatti con passione.
Non si nascondevano dietro commercialate, facendo giochi brutti cercando di venderli solo perché basati su serie famose.
Cito giusto un capolavoro per ogni generazione, perché a scomodarli tutti dovrei fare un post troppo lungo:
- ET per Atari
- Ghostbusters 2 per NES
- Batman Forever per SNES
- Superman per Nintendo 64
Giochi che trasudavano passione e divertimento.
Oggi ci ritroviamo con porcate commerciali senza cervello come Snipperclips o Pullblox, che puntano tutto sui personaggi accattivanti e sul graficone, ma che poi non richiedono la minima logica.
Bah! Non c'è più mondo!
E ora, scusate, ma vado a rifarmi il cervello con un sano Excite Bike:

eeeh buonanotte!  :occasion14:
Mi ricordi un tizio con cui discussi una volta dicendogli che Nintendo non aveva mai fatto restyling delle sue console casalinghe (correva l'era del Game Cube) e lui rispose" ti sbagli. hanno fatto N64 Pokemon e il Game Cube Panasonic."

 :wav:

Offline Rin

  • Moderator
  • MIKE BONGIORNO
  • ****
  • Post: 11671
  • Sesso: Femmina
    • Nintendo ID
      • Mostra profilo
Re:Perdita di interesse per il Videogioco
« Risposta #244 il: Novembre, 14, 2017, 19:12 »
Ripesco un po' questo topic. Sto aspettando il cibo e intanto mi annoio, scusate.  :laughing7:

Ragazzi, è tutto vero.
Ai tempi c'erano giochi per adulti che ti facevano mettere in moto il cervello, come Sonic:
Spoiler (click to show/hide)
Adesso son tutte commercialate stupide che giochi senza dover riflettere neanche un attimo.
Prendete i giochi in arrivo per 3DS. Cosa abbiamo? L'ennesimo Layton e Brain Training, che si fanno entrambi premendo A a caso senza logica. Ah, quanto valeva un bel Final Fantasy o Dragon Quest su Famicom...!
Per non parlare di saghe come Zero Escape, che in quanto a profondità di contenuti rasentano lo zero assoluto
Paradosso della nave di Teseo?
Dilemma del prigioniero?
Roba da bambini senza cervello, proprio!
Ma la verità è che l'industria è cambiata. Ormai gli sviluppatori puntano solo alla grafica e se ne fregano dei contenuti.
Guardate come hanno ridotto Sonic!
Spoiler (click to show/hide)
Neanche lo riconosco più...
Tutta grafica e niente strategia.
Penso anche a vaccate della generazione Wii, tipo Fire Emblem: Radiant Dawn...
Sono sicuro che se mettessero online quel gioco su un qualche sistema di streaming, dando la possibilità alle persone di dare input a casaccio tramite una chat, e tutti giocassero assieme, in quel caos di anarchia pura si riuscirebbe lo stesso a finire il gioco in una decina di giorni o poco più.
Nel '96 non se ne facevano di giochi così!
Prima dell'era Wii/GameCube, i giochi erano tutti belli e fatti con passione.
Non si nascondevano dietro commercialate, facendo giochi brutti cercando di venderli solo perché basati su serie famose.
Cito giusto un capolavoro per ogni generazione, perché a scomodarli tutti dovrei fare un post troppo lungo:
- ET per Atari
- Ghostbusters 2 per NES
- Batman Forever per SNES
- Superman per Nintendo 64
Giochi che trasudavano passione e divertimento.
Oggi ci ritroviamo con porcate commerciali senza cervello come Snipperclips o Pullblox, che puntano tutto sui personaggi accattivanti e sul graficone, ma che poi non richiedono la minima logica.
Bah! Non c'è più mondo!
E ora, scusate, ma vado a rifarmi il cervello con un sano Excite Bike:


Comunque concordo.

Awakening, hai semplicemente vomitato una serie di luoghi comuni e ovviamente quello che dici non è totalmente corretto.
Oltretutto non capisco perché un'azienda non dovrebbe fare videogiochi per fare soldi, di certo non è un'associazione benefica, è composta da dipendenti e non da volontari.
Se poi prendi in esame i soliti GTA, Fifa e compagnia cantando ovvio che il tuo discorso fila ma sono veramente una minoranza rispetto al numero di giochi sfornati ogni anno. Tra l'altro hai fatto un discorso contortissimo sui giochi da "niubbi", Nintendo con Wii ha fatto principalmente casual game; Wii Sport, Wii Fit, Wii Play, una quantità industriale di Zumba, Let's Dance e tanti altri, strategia di marketing azzeccatissima dato che ha creato videogiocatori prendendoli da una fascia di persone che di videogiochi non ne sapeva nulla. In contemporanea ha fatto dei gioiellini come Mario Galaxy, Skyward Sword, Metroid Prime Corruption e altri che ora non mi vengono in mente.
Io non ho per niente visto un declino dell'arte dei videogiochi in queste mosse di marketing (tra l'altro seguiti a ruota da Sony), ma un modo geniale per risollevarsi e poter continuare a produrre videogiochi seri senza dover fare continuamente tagli ai budget dei videogiochi.

 

Privacy Policy